ANITA RACCONTA

Ci sembrava giusto, visto che fra poco Anita compie 10 anni, ed ha già girato mezzo mondo, fargli esprimere il suo punto di vista e raccontare le sue esperienze…

Quello che segue sono i suoi ” Racconti di Viaggio” così come come gli ha scritti, senza nessun tipo d’interferenza e correzioni.

 

LA MIA AFRICA❤️ :

Io non mi ero fatta molte idee sul Kenya perché visto che quando avevo cinque anni ero già andata in Sudafrica e purtroppo non mi ricordo niente per questo motivo mi immaginavo il Kenya un po’ come il Sudafrica ,visto che avevo guardato le foto sull’album e infatti non mi immaginavo molta povertà, come ,per esempio nel villaggetto dove c’era la casa che ci hanno affittato per la nostra vacanza era bella,con l’acqua corrente,la piscina e l’elettricità ; mentre giusto dietro le mura del villaggio non c’era l’acqua corrente (e dovevano andare a prenderla con delle taniche per circa mezz’ora a piedi,con magari un bambino in fascia o incinta e avevano le case fatte o di lamiera, o cacca di mucca e fango e solo pochi avevano l’elettricità !Questa era una cosa molto sconvolgente!

Poi abbiamo fatto un safari che non c’è piaciuto né la guida né il safari perché abbiamo visto pochi animali .
Invece dell’altro Safari siamo rimasti più che soddisfatti perché tutto è andato oltre le nostre aspettative perché la guida( Samuel Pantani) è stato più che bravo!!!E in più abbiamo visto un sacco di animali.

Mi sono emozionata molto quando abbiamo visto le zebre 🦓 ( che non vedevo l’ora di vederle perché io adoro un sacco i cavalli e le zebre ci assomigliano tantissimo) che ci hanno alcune attraversato la strada è poi si sono messe tutte in fila e tutte hanno fatto per un bel po’ uno strano movimento tipo sembravano che dicevano di sì con la testa !!

Poi ci siamo quasi tutti spaventati quando una leonessa stava per cacciare delle zebre poi le macchine che sono arrivate per vedere lei è il leone 🦁 e hanno spaventato le zebre e quindi lei è saltata su un cartello stradale fatto di mattoni e un pulmino si è avvicinato troppo finché ad un certo punto la leonessa si è tutta accucciata e ha fatto un movimento con la coda e se il nostro autista e gli altri non avessero detto alla radio un sacco di volte di spostarsi perché stava per saltare ,il pulmino se no non si sarebbe spostato e avremmo visto una leonessa che dal vivo mangiava una persona!!! Alla fine è scesa dal cartello ed è venuta vicino alla nostra jeep!!!! Molti di noi avevano molta paura perché la leonessa aveva uno sguardo molto affamato e gli occhi le scintillavano ogni volta che un bambino parlava o nel film di mio fratello qualcuno si metteva a canticchiare con voce da bambino !!!!

Mi sono anche molto emozionata anche quando una sera in un lodge una sera hanno messo un pezzo di carne 🥩 per attirare un leopardo ed è arrivato!!!Poi visto che era in calore dopo è passato dietro un maschio che è girato lì vicino a dove eravamo noi e questo ci ha fatto un po’ paura perché sembrava che cercava qualcuno da mangiare o di entrare nel lodge!!

Erano molto interessanti anche alcune curiosità per esempio la differenza tra elefante destro ed elefante mancino , cioè: se l’elefante è mancino la zanna sinistra è più corta e la destra più lunga o il contrario .
Oppure la differenza tra la cacca di elefante maschio e una femmina, cioè: la cacca dell’elefante maschio è più dura perché fa un po’ di pipì più avanti invece al contrario la femmina fa la cacca con un po’ di pipì e quindi più molle,(anche se è un po’ difficile da distinguere le due cacche tra di loro). Faceva molto ridere anche mio fratello che le uniche volte in cui si emozionava era quando vedevamo delle specie di gallinelle tipo faraone 😂😂!!! Se nò guardava solo film !!

Io un giorno di Safari mi sono molto spaventata perché un bucero(cioè un tipo di uccello) è volato contro la mia mano mentre ero in piedi con il tetto della jeep aperto e poi è caduta per terra perché mio papà che ha visto ,tutto mentre io ero girata dall’altra parte , lo ha spinto via perché si era spaventato e se nò cadeva dentro la jeep !!!
Ho anche scoperto che esistono due tipi di antilopi strane cioè: L’antilope Nana (o Dick Dick) E L’antilope giraffa. Di giraffe nel primo Safari non né abbiamo viste tante,però le poche che abbiamo visto erano molto lontane . Facevano molto ridere anche i bufali con le loro facce incavolate!! Che quando ci fermavamo per osservarli loro iniziavano tutti a guardarci e ci sentivamo tutti molto osservati😂😂!!! Abbiamo visto anche un sacco di tipi di uccelli per esempio: Le gallinelle, le aquile, le gru, i fenicotteri, le spatola, le faraone, il Serpentario.

Gli unici animali che non mi sono piaciuti tanto sono state le iene e i babbuini, invece al contrario mi è piaciuta molto la zebra 🦓!!!!❤️❤️ Abbiamo visto anche degli ippopotami anche se lontani.
Ci ha fatto molto ridere anche quando la nostra guida ha chiamato l’Impala, cioè una antilope, culi Mac Donald perché sul loro sedere sembra che c’è una M.
Abbiamo visto anche i Kudu che sono delle antilopi (in Sudafrica ne ho anche mangiato la carne 🍖 ) con disegnato sul culo invece un cerchio, uno sciacallo, impala pazzi che saltano, un facocero tanti GNU
In fine purtroppo non abbiamo visto il ghepardo e il rinoceronte 🦏 !!!!!🙁🙁
anche se la guida e l’autista hanno cercato molto attentamente!!

 

Vacanze estive in Brasile!

il giorno della partenza é stato molto stancante .
Siamo partiti il 9 / 6 / 2016, alle ore 17 ( del pomeriggio )
All ‘ aeroporto ci a portato un nostro amico . Con quel aereo saremo andati a Parigi
All’ aeroporto di Parigi ci siamo stati 4.00 ore , ci siamo annoiati un po’, per aspettare un ‘ altro aereo per il Brasile.
Appena arrivati a Rio siamo andati in spiaggia , c ‘ era freddissimo infatti eravamo quasi tutti
con felpa e pantaloni , ovviamente niente bagno ! se no ci ghiacciavamo !!

Dopo siamo andati in una specie di hotel che però era una posada ( ancora non capisco il perchè si chiami così ) di nome Bonita , per due notti e dopo ci èvenuta a prendere una nostra amica Quenia che è brasiliana , per modo di dire un po’ matta come dice Dedi , che è nostra amica perchè suo figlio, Filippo,è in classe con me .

A casa sua mi sono divertita soprattutto a dare quasi tutte le mattine le banane alle scimmiette🐒” marmosette ” infatti alcune scimmiette per prendere le banane 🍌facevano molto ridere .
Quando eravamo con Quenia un giorno siamo andati al compleanno di una bimba brasiliana , di nome Maria Isabel , che compieva un anno ma hanno fatto comunque una super festa con tanti invitati , erano tipo più di 100 io per il mio compleanno non invito neanche 12 bambini e ho nove anni mentre Maria aveva un anno. Mi sono divertita comunque perché avevano quasi tutti la mia età .

 

Vacanze estive del 2015

Per iniziare la vacanza io e la mia famiglia a metà giugno abbiamo preso l’aereo che ci portava in Indonesia.
La prima tappa era l’isola di Bali.
In una settimana abbiamo girato metà Bali, abbiamo visto tanti templi che non mi sono molto piaciuti .
Dopo siamo andati alla foresta delle scimmie dove c’erano molte scimmie. E finalmente siamo andati a Bali ‘’Bird Park’’ che era un parco pieno di uccelli, queste ultime due cose mi sono piaciute molto.

Poi abbiamo preso una barca siamo andati in un’isola chiamata Gili Air (Si pronuncia Ghili ) Che e molto piccola perché non ci sono automobili e neanche motorini, l’unico mezzo di trasporto è un carretto trainato da un cavalluccio o in bici. In questa isola c’erano tanti gatti, la mia preferita si chiamava Sissi che abitava nel mio albergo. Inoltre ho fatto amicizia con TIA una ragazza che lavorava lì, mi parlava in inglese ,un’altra cosa bella era a fare il bagno in mare E fare snorkeling nella barriera corallina dove c’erano tanti pesci colorati un giorno ho visto anche una tartaruga marina che ho fotografato e anche accarezzato.

Ecco i disegni:

La gattina dell’albergo:

Poi un giorno nel nostro albergo ho trovato una bellissima farfalla che non riusciva bene a volare, l’ho messa su un fiore per farla mangiare ma non ha mangiato allora l’ho messa in una noce di cocco vuota ma quando sono tornata a casa da una gita in barca era morta.

A Gili Air ho conosciuto anche altri bambini tipo: Samantha una bimba indonesiana, Melia una bimba americana con il suo fratellino che ha l’età di mio fratello e poi anche incontrato due bimbe svizzere di cui non ricordo bene il nome, con tutti questi amici giocavamo insieme sulla spiaggia sulla spiaggia un giorno abbiamo anche incontrato un paguro di nome Bernardo.

In Indonesia il cibo era molto piccante allora quando ordinavamo dovevamo sempre dire di non mettere roba piccante.
Finita la vacanza siamo tornati a Reggio Emilia che era già metà luglio, la prima cosa che ho fatto è stata di andare dalle mie nonne a prendere la mia cagnolino Uba che mi è mancata moltissimo, anche le mie nonne mi sono mancate moltissimo e la prima è che cos’è che gli ho chiesto è stata la pasta ragù e piselli. Nei giorni successivi ho iniziato a fare i compiti.

Poi a un certo punto un mio amico di nome Luca mi ha chiesto di andare a trovarlo al mare a Fano, quindi con la sua nonna ci siamo andati in treno ed ho fatto la mia prima vacanza di una settimana senza i miei genitori.
A Fano mi sono divertita tantissimo perché mi ero portata dietro la mia orca gonfiabile ed io e Luca eravamo sempre in acqua a giocarci.

Dopo pranzo quando la sua sorellina Sara dormiva noi facevamo i compiti delle vacanze.
Dopo una settimana sono tornata a casa in treno con il suo papà quando sono arrivata casa erano i primi di agosto e faceva caldissimo, quindi io e la mia famiglia e Margherita e Viola siamo andati in piscina tante volte.

Poi è arrivato Ferragosto io e la mia famiglia siamo andati tre giorni in Liguria a trovare gli zii e i cugini, anche lì mi sono portata dietro l’orca gonfiabile e con i cugini mi sono divertito tantissimo a giocare con le onde e l’orca gonfiabile.
In oltre il 15 agosto era il compleanno di mio zio e la zia ha fatto una torta con le candeline che cantavano da sole.

Quando sono tornata a casa anche Luca era tornata a casa dal mare insieme siamo andati in una piscina dove c’erano i scivoli lunghissimi.
Infine è arrivato settembre e io e mio fratello e mia mamma siamo andati in Estonia a trovare mia nonna a.
Lei vive in mezzo al bosco con i suoi tre bassotti, a me piace tanto perché sto in mezzo al bosco mangio mirtilli raccolgo i funghi.

Alla fine della vacanza non vedevo l’ora di tornare a casa e di rivedere i miei compagni di scuola.
Ecco la casa di mia nonna in Estonia:

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO PIACERTI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.